ARTICOLO
SLSG - Sol La Si Gol!
Milan Sanremo 2022

Milan da Brividi con Mahmood e Blanco a San Siro (o Remo?)

Inter k.o. nel derby, in rialzo il Napoli nella 5ª di ritorno di Serie A

Non tifano Inter i trionfatori del Festival di Sanremo

Milan show, ma Inter la tua paura cos’è?”. Se lo chiedono un po’ tutti, compresi Mahmood e Blanco in ‘Brividi‘, prima classificata al Festival di Sanremo 2022, kermesse a cui ci affideremo affiancando la top ten della classifica canora, analizzando la quinta giornata del campionato di Serie A. E insomma, proprio il derby Inzaghi doveva perdere?

blanco mahmood milan serie a festival di sanremo
Blanco e Mahmood

Nulla è compromesso (è ancora sua la vetta della graduatoria), ma la sfida di Milano incorona le strisce rossonere. E il Milan di Pioli (ora a -1 dai cugini) gongola per quell’1-2 fissato dal vantaggio avversario di Perisic nel primo tempo, ma completamente ribaltato dalla doppietta di Giroud nel giro di tre minuti a metà ripresa.

Dobbiamo continuare a crederci, gli ostacoli sono insormontabili per chi non ci crede. Non abbiamo ancora fatto niente ma è ovvio che sia una grandissima soddisfazione vincere in casa dell’Inter contro la migliore del campionato

Stefano Pioli (allenatore Milan)

I cambi ‘sbagliati’ dal tecnico nerazzurro? L’atteggiamento dei suoi giocatori in campo? O semplicemente la voglia dei contendenti di ricominciare a sognare lo scudetto? Non sappiamo bene quale sia la traccia giusta che ha portato alla debacle interista, ma di sicuro, come il duo sanremese, anche Inzaghi canta “E mi vengono i brividi, brividi, brividi”. Ma per altri motivi.

Napoli o forse sei tu la futura capolista per Elisa?

Non segnava da 112 giorni Osimhen, ma è lui a dare il ‘la’ al successo del Napoli sul campo del Venezia. Lo 0-2 poi lo confeziona al centesimo minuto Petagna. Anche perché Spalletti può cantare insieme ad Elisa Sarà che la vertigine non mi fa più paura. E guardo giù” in ‘O forse sei tu‘ (seconda al Festival di Sanremo). Con la quarta vittoria consecutiva i partenopei si rilanciano e in graduatoria ora sono, affiancati al Milan, a -1 dall’Inter (che attendono nel prossimo turno al Maradona), dopo un paio di mesi davvero difficili.

elisa milan serie a festival di sanremo
Elisa

E poi non c’è solo Osimhen del presente, ci sono anche i rientri di Koulibaly e Anguissa pronti dopo la Coppa d’Africa. Certo sul campo lagunare non è stato facile e anche avere il 71% di possesso palla nella prima frazione, non ha consentito ai campani di entrare nella ragnatela tessuta da Zanetti. Fino a che…

Gianni Morandi apre tutte le porte a Mazzarri

Il cantante e l’allenatore. Gianni Morandi come Walter Mazzarri. Il primo ha rischiato l’esclusione dal Festival di Sanremo dopo aver postato un video in cui si sentiva il suo brano ‘Apri tutte le porte‘ (terzo al Festival di Sanremo) in sottofondo, il secondo, neanche a dirlo, a causa dei risultati non certo esaltanti, è andato più volte vicino, nel girone di andata, ad essere sostituito in panchina. Ma ecco il Cagliari rialzare la testa e il cantante veterano piazzarsi sul terzo gradino del podio.

Milan serie a gianni morandi festival di sanremo
Gianni Morandi

L’Atalanta cede 2-1 nel proprio stadio, pareggiando momentaneamente con Palomino il vantaggio ospite di Pereiro, che però poi si ripete lasciando i bergamaschi (in dieci per l’espulsione di Musso) di sasso. “Vai così vai così vai così vai così. Stai andando forte. Apri tutte le porte. Gioca tutte le carte. Fai entrare il sole. Stai andando forte. Apri tutte le porte. Brucia tutte le scorte” cantano Gianni e pure Walter.

Vlahovic ovunque sarai, con Irama segnerai

È ancora lui, sempre lui. Quello che cambia squadra e continua a segnare. Quello che resta appaiato al grande Ciro Immobile a 18 reti sul trono dei bomber. Quello che apre le marcature contro il Verona e fa vincere la Juventus, che così raggiunge il quarto posto in classifica.

irama milan serie a ferstival di sanremo
Irama

Ma se sei tu lo sentirò. Ovunque sarai” proprio come Irama in ‘Ovunque sarai‘ (quarta al Festival di Sanremo), caro Dusan Vlahovic, seguito poi nel 2-0 definitivo, dall’altro nuovo arrivato in bianconero Zakaria. Hanno una gara in meno gli orobici di Gasperini (che sfideranno nella prossima giornata), ma per adesso, in zona Champions, ci sono gli uomini di Allegri. Già perfetta la sintonia di Vlahovic con Dybala e ora l’Inter è lontana ‘solamente’ 8 punti. È lecito sognare pure lo scudetto.

Blessin all’Olimpico vede le farfalle di Sangiovanni

Un punto meritato quello del Genoa sul campo della Roma, che fa poco o nulla per vincere. “Sei una botta di ossigeno in mezzo all’industria” canta Sangiovanni in ‘Farfalle‘ (quinta al Festival di Sanremo)e all’Olimpico finisce 0-0, per la gioia di mister Blessin, la cui squadra parte forte ed è pericolosa spesso sulle palle inattive, ma si deve arroccare nella mezz’ora finale per l’arrembaggio giallorosso.

Sangiovanni milan serie a festival di sanremo
Sangiovanni

Assalto che culmina col gol di Zaniolo allo scoccare del 90′. Per quel sinistro dal limite va pure a festeggiare sotto la Curva Sud e si toglie la maglia dalla felicità. Poi però l’arbitro Abisso viene richiamato dal Var che annulla per un contatto, parso assai lieve, tra Abraham e Vasquez. Mourinho, alla centesima gara in Serie A – che non può festeggiare con un successo – è furioso. Il ragazzo a cui viene tolta la gioia è nervoso e viene espulso per proteste nel tempo di recupero, sotto gli occhi di Damiano dei Maneskin seduto in tribuna .

Ogni volta è così con Emma e Sarri al Franchi

Era la prima gara del dopo Vlahovic per la Fiorentina ed è andata davvero male a mister Italiano. Al Franchi uno 0-3 da dimenticare con la Lazio. Decidono la sfida, nella seconda parte della partita, Milinkovic-Savic e Immobile (poi l’autorete di Biraghi), così i tifosi biancocelesti, con la loro squadra che affianca la Roma in classifica, tornano a sorridere dopo il deludente calciomercato.

emma milan serie a festival di sanremo
Emma

Ogni cosa è al suo posto” canta Emma in ‘Ogni volta è così‘ (sesta al Festival di Sanremo), e Sarri lo approva con gaudio. Sono due veri leader gli autori delle reti (ed è la terza gara di fila che i laziali non ne subiscono), mentre i viola sono interdetti visto che l’ultimo k.o. casalingo risaliva al 3 ottobre contro il Napoli. E poteva finire anche peggio, perché dopo l’espulsione di Torreira nel finale, Basic spreca perfino il poker.

Cioffi fa Ciao ciao a Claudio Ranieri per merito di Juric

Parlano argentino le due reti con cui l’Udinese batte 2-0 il Torino in pieno recupero. E Cioffi fa “Con le mani, con le mani, con le mani Ciao ciao. Con i piedi, con i piedi, con i piedi Ciao ciao. E con la testa, con il petto, con il cuore Ciao ciao. E con le gambe, con il culo, coi miei occhi Ciao!” come La Rappresentante di Lista in ‘Ciao ciao‘ (settima al Festival di Sanremo). Soprattutto il tecnico lo fa, pur provenendo da 2 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte, a chi lo vedeva già in partenza sostituito da Claudio Ranieri.

la rappresentante di lista milan serie a festival di sanremo
La Rappresentante di Lista

Sicuramente è l’espulsione del granata Mandragora due minuti oltre al 90′ ad agevolare il compito dei friulani alla Dacia Arena: una punizione di Molina e il rigore di Pussetto, per capitalizzare i due errori di Milinkovic. Qualche errore di Juric? Il tecnico, che però in panchina fa sedere il vice Paro perché squalificato, quando sposta ad inizio ripresa Lukic in difesa, non è che faccia proprio una mossa geniale.

Il Bologna scrive con Massimo Ranieri una lettera al di là del mare

La cosa buona per il Bologna, che impatta 0-0 con l’Empoli, è che finalmente interrompe la striscia negativa di tre sconfitte di fila. Tutto in parità tra emiliani e toscani, anche il numero di legni colpiti (uno a testa, la traversa di Arnautovic e l’incrocio dei pali di Di Francesco).

massimo ranieri serie a milan festival di sanremo
Massimo Ranieri

E l’acqua è più pura di un canto. Ed è silenzio tra due sponde. La terra un sogno altrove” dunque, come canta Massimo Ranieri in ‘Lettera al di là del mare‘ (ottava al Festival di Sanremo). Un punto che serve più agli empolesi che ai bolognesi, impegnati in una prova tutto sommato grigia. E mentre tutti gli innesti di entrambe le formazioni non cambiano assolutamente il loro volto, quantomeno Mihajlovic si mette alle spalle un gennaio terribile.

La Samp balla e non si sente più giù grazie a Dargen D’Amico

Riparte dopo quattro batoste consecutive in campionato la Sampdoria che batte 4-0 il Sassuolo. Considerando poi che era da un paio d’anni che i blucerchiati non segnavano almeno quattro gol in Serie A, ecco che non può che riempire il suo cuore d’orgoglio il tecnico Giampaolo. “E mi piace mi piace mi piace Che non mi sento più giù (Più giù)” canta Dargen D’Amico in ‘Dove si balla‘ (nona al Festival di Sanremo).

dargen d'amico mian serie a festival di sanremo
Dargen D’Amico

Ad aprire le danze è Caputo, in prestito ai doriani proprio dai neroverdi. Poi si sblocca l’uomo più atteso del mercato genovese, Sensi, e non sono passati neanche dieci minuti dal fischio iniziale, mentre nella ripresa Conti e il rigore di Candreva sigillano il risultato. Ora, con l’atteso Sensi, il tecnico ha il suo trequartista vero e può giocare come sa.

La Salernitana cerca la felicità con Michele Bravi

C’è chi parla di rigori ‘scovati dal Var’ e chi invece ringrazia che giustizia sia stata fatta nel 2-2 dell’Arechi. Questione di punti di vista. Se è vero che non bastano due perle su calcio di punizione del nuovo arrivato Verdi (uno dei tanti) alla Salernitana (ne ha 11 nuovi in campo rispetto alla partita precedente) per battere lo Spezia, c’è da dire che quei due penalty erano assolutamente legittimi. Tanto chiari, che non si comprende perché sia servito il supporto extra campo (e tecnologico) per la loro assegnazione.

michele bravi milan serie a festival di sanremo
Michele Bravi

Con i liguri ormai realtà quasi da metà classifica (ma sempre orientati alla salvezza come obiettivo primario) e i campani a muovere almeno un passetto, ma rimanendo sempre ultimi e a -9 dai quartultimi del Cagliari (primo posto libero per salvarsi). “Tu insegnami come si fa Ad imparare la felicità” canta Michele Bravi in ‘Inverno dei fiori‘ (decima al Festival di Sanremo) e Colantuono fa altrettanto, per essersi fatto sfuggire l’importante vittoria, andando per due volte in vantaggio ed essendo sempre raggiunto. Alla prossima andrà meglio.

Series Navigation<< Mahmood e Blanco vincitori di Sanremo 2022: voglia di LiveRivoluzione Sanremo 2022: Dai Maneskin a Rosa Chemical >>
Riproduzione Riservata ®

Potrebbe interessarti anche

Interviste

1 ora fa

Three Mone si racconta: intervista al re della scena trap

 
Sogni d'Oro

16 ore fa

Ho perso la testa in sogno. Quanto è grave da 1 a 10?

 
Musica

1 giorno fa

Eros Ramazzotti nel world tour 2022: non sarà troppo?

 
Lifestyle

2 giorni fa

Matrimonio ed estate 2022: consigli utili per dire “Si”

 
error: Content is protected !!
Leggi anche
Se fosse un piatto

1 mese fa

Non dire gatto se le tartine di Salem non sono nel sacco