geolier

Il caso Geolier a Sanremo 2024

Il Festival dei record tra rap cumbia e cellulari gold

di Federica Solino
Questo articolo è il numero 12 su 15 nella serie Sanremo 2024

Polemiche accese intorno alla figura del giovane rapper Geolier

Un Festival pieno di colpi di scena e polemiche ma anche tanta buona musica, i 30 artisti in gara hanno deliziato il pubblico italiano (e non solo) con i loro inediti che sembrano essere diventati già dei tormentoni. Una kermesse all’ultima ‘nota’, che ci ha lasciato con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo.

Non sono mancate le polemiche riguardo la partecipazione al Festival di Sanremo del noto e giovane rapper napoletano ‘Geolier’ (23 anni), che ha dimostrato forza, tenacia, umiltà ed educazione di fronte alle svariate critiche che gli sono state mosse.

Critiche feroci riguardo l’utilizzo del napoletano, interamente presente all’interno del brano presentato in gara ‘I p’me, tu p’te’, e un accanimento per un video in cui Geolier mostrava ai suoi fan come votarlo. Ma la domanda è questa: può un ragazzo di 23 anni essere messo al patibolo per avere semplicemente ingegno? Cosa ha fatto di diverso dalla ‘buona e cara’ Chiara Ferragni quando Fedez partecipò come concorrente nel 2021? Ognuno fa quel che può per tirare l’acqua al proprio mulino.

Geolier
Fonte Instagram

Scompiglio anche in sala stampa dove alcuni alcuni giornalisti hanno dichiarato di non conoscere Geolier, provocando malumore tra le fila dei suoi sostenitori.

La serata delle cover è stata portata a casa dal giovane rapper che ha battuto Angelina Mango che invece si è presentata con un brano storico ‘La rondine’, dedicato al padre Pino Mango scomparso nel 2014, interpretato divinamente, emozionando il pubblico e riscuotendo un grande consenso dalla platea dell’Ariston che si è lasciato andare a un lunghissimo applauso.

Alla vittoria di Geolier c’è stato un malcontento generale anche da parte del pubblico della kermesse, che si è lasciato andare a fischi, paroline poco gradevoli e in molti hanno mostrato il loro dissenso ma anche la loro poca educazione nei confronti di un giovane ragazzo alle prese con una cosa molto più grande di lui, lasciando l’Ariston.

Bisognerebbe sempre restare ‘sportivi’ e nonostante le divergenze riguardo le proprie preferenze, ricordare che non ci sono macchine su quel palco, ma ragazzi, ragazze, donne, uomini che prima di affrontare il pubblico devono affrontare le proprie paure, le proprie fragilità, la paura di fallire, la paura di non farcela.

Sembra un paradosso che in diretta nazionale ci sia stata una mancanza di rispetto del genere, da parte di un pubblico che fa parte di una società che cerca di lottare contro la violenza sulle donne, sugli animali, contro il body shaming, di incoraggiare i giovani a seguire i propri sogni. Geolier per chi lo voglia o meno, è un ragazzo che ce l’ha fatta nonostante tutto, nonostante i limiti linguistici, facendo leva su ciò che conosce meglio, la sua città e la sua lingua: il napoletano.

Il caso sul televoto

Durante il televoto finale del 10 Febbraio che avrebbe dovuto decretare i 5 finalisti e assegnare una sola ‘medaglia d’oro’ al vincitore, il televoto è andato in tilt e non è stato possibile per un breve lasso di tempo votare il proprio preferito. Amadeus è intervenuto dicendo: “C’è un record di televoto. Se trovate difficoltà non vi preoccupate, stanno smaltendo il traffico. Tutto sta procedendo in maniera corretta. Sta arrivando una quantità di televoto che mai si era verificata nel Festival di Sanremo”.

Ma in molti si sono lamentati postando storie Instagram in cui hanno mostrato la ‘non conferma’ in seguito ai voti mandati correttamente.

Angelina Mango è la vincitrice di Sanremo 2024 per stampa, tv, web e radio, ma Geolier risulterebbe il favorito al televoto con il 60% delle preferenze da casa.

Si chiude così l’era Amadeus (a quanto sembra) con un Sanremo segnato da qualche polemica ma che verrà sicuramente ricordato come il Festival dei record.

Series Navigation<< Roberto Bolle, tra palcoscenico e l’amore per Daniel LeeIl Festival è finito ma la musica è ri-diventata sociale >>

Riproduzione Riservata ®

Altri articoli in

Musica
discografia Fabrizio Basciano
Intervista

La discografia oggi: 4 chiacchiere con Fabrizio Basciano

di Clu
22 ore fa
Musica
Storie Brevi tananai annalisa

Tananai, Annalisa e le ”Storie Brevi” come l’estate

di Clu
1 settimana fa
Musica
Sethu
Intervista

Sethu, tutti i colori del buio

di Alessia Maselli
1 settimana fa
L'Antitesi
sxrrxwland

L’anima dei Sxrrxwland nel 2024

di Melpot Cosmos
1 settimana fa
Cerca
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!