RECENSIONE
Tropico
Chiamami quando la magia finisce
Leggera, potremmo ascoltarla all'infinito senza detestarla mai
Assolutamente tutto perfetto
Utilizzo consigliato
In macchina di notte in giro per la città

Tropico, ‘Chiamami quando la magia finisce’

Un viaggio tra realtà e magia

Esplorando il capolinea degli affetti con Tropico

All’anagrafe Davide Petrella, cantautore napoletano, classe ’85, dopo aver scritto per innumerevoli artisti tra cui Cesare CremoniniFabri FibraElisaEmma MarroneElodieAlessandra AmorosoFrancesca MichielinGuèMahmoodRkomiMarracashSfera Ebbasta, il 29 Settembre 2023, esordisce con il suo primo album indie ‘Chiamami quando la magia finisce’, preannunciato dal singolo ‘Che mme lassat’ a fa’.

L’artista con il suo omonimo brano ‘Chiamami quando la magia finisce’ racconta una realtà difficile da accettare: la fine di un amore un tempo fiammeggiante e profondo che arriva al capolinea spegnendosi e creando una voragine emotiva incolmabile. Il testo incisivo, penetrante, diretto, ripercorre le tappe di questa storia d’amore attraverso tutti i luoghi della città vissuti con la persona che ha amato: “Perdersi per via Marina, quando è troppo tardi per tornare a casa…” oppure ” Lo sai dalla città puoi vedere tre isole e nessuna di queste sei tu”.

Tropico
fonte Instagram

Non c’è più la magia, restano solo le illusioni e le vane speranze di poter ripercorrere di nuovo quei luoghi insieme, un mix di malinconia e malumore accompagnati da un background music leggero che crea un’atmosfera piacevole senza sovrastare il testo, un connubio perfetto.

Il ricordo di ciò che è stato

Un amore che va al di là di ogni ‘addio’, non replicabile con nessun altro, una porta socchiusa dalla quale si entra ma non si esce più, un marchio a fuoco, non sulla pelle bensì nell’anima che perdura nonostante le circostanze e il tempo. Non ci si dimentica di qualcuno non vedendolo o non ascoltando più la sua voce, e Tropico questo lo sa bene!

E non voglio nessuno
Nessuno che non ha gli occhi tuoi
Trovali due stronzi come noi
Che non si sono mai giurati amore
E anche se non ricorderai più
Quello che Ho fatto con te
Non l’ho detto a nessuno che volevo essere forte
Non ricordare più la tua voce che ancora mi fotte

Ci si accorge di volersi bene sempre a giochi conclusi dove non c’è un vero vincitore, in amore si perde sempre in due. Petrella con ‘Chiamami quando la magia finisce’ percorre il cammino di questo sentiero d’amore alla ricerca della poesia perduta, negli angoli della città che rappresentano gli angoli della sua memoria interna.

Un archivio emotivo che conserva momenti condivisi, esperienze vissute, sguardi che hanno creato connessioni profonde, un archivio che continua a tessere il filo della nostalgia e che si intreccia con la trama della vita presente. Un brano che va oltre e scava nelle emozioni sepolte di ogni ascoltatore.

Condividi questa recensione!

Recensioni Recenti

Cerca