Mina Napoli serie a

Mina e lo scudetto 2023: Napoli sei grande grande grande!

Arriva il giorno della super festa scudetto per i campani dopo la 33ª di A

di Marco Magi

Giusto rendere onore ai vincitori e agli sconfitti

Sei grande grande grande come te sei grande solamente tucanta Mina con una super dedica al Napoli che vince il terzo scudetto della sua storia. Spalletti in lacrime, una città in festa, ma non solo, perché in tutta Italia i clacson e i caroselli dei tifosi napoletani si sono ascoltati nella serata. È la vittoria di un bel gruppo che arriva matematicamente quando mancano ancora 5 giornate da giocare in Serie A e sono 16 i punti di vantaggio sulla seconda in classifica, la Lazio. Sicuramente De Laurentiis a Spalletti dovrebbe cantare con Mina in ‘E se domani‘, “E se domani, e sottolineo ‘se’ All’improvviso perdessi te Avrei perduto il mondo intero Non solo te”.

Mina Napoli
Mina

La squadra di Sarri onora il proprio percorso, intanto, superando il Sassuolo e anche la Juventus fa il suo contro il Lecce nella . Chi invece, preferisce strafare è l’Inter, che strapazza il Verona. Proprio gli scaligeri rimangono così terzultimi a pari merito con lo Spezia (battuto dall’Atalanta) e per loro si profila un rush finale mozzafiato (con all’orizzonte lo spareggio). Rallenta, invece, il Milan contro una sempre viva Cremonese, così come la Roma col sorprendente (ma non troppo) Monza.

Naska fa festa con Spalletti, Sarri no ma non importa a nessuno

Bastava un punto al Napoli per conquistare lo scudetto. E così è stato. Sul campo dell’Udinese inseguono i partenopei, che vanno sotto per il gol di Lovric, ma sistemano tutto grazie ad Osimhen. Sì, sempre lui, per questo 1-1. Lui che ha trascinato la squadra come aveva fatto Maradona nel secolo scorso.

Se dopo 33 anni gli azzurri tornano ad essere campioni d’Italia, lo devono al centravanti (capocannoniere con 22 gol, senza rigori), ma soprattutto a Luciano Spalletti, capace di costruire un campionato perfetto e mantenere una squadra ad un livello così alto da vincere con largo anticipo il tricolore. È stata una grande festa, per questo Spalletti, il giorno dopo avrà cantato con Naska in ‘A nessuno’, “C’ho ancora tutta questa notte in gola, in testa non c’ho il mal di testa ma un colpo di pistola”.

Vincere è obbligatorio perché qui sono passati grandi allenatori e grandi giocatori, c’è un pubblico che ha visto giocare Maradona e probabilmente dietro questo risultato c’è la sua ‘protezione’

Luciano Spalletti, allenatore Napoli
Naska Napoli
Naska

Si ferma sulla traversa la veemenza del Sassuolo. Per la Lazio il successo per 2-0 all’Olimpico viene firmato da Felipe Anderson e Basic (al primo gol in Serie A). La corsa Champions è sempre attiva e dato che gioca in anticipo, mette un poco di pressione al Napoli. Comunque per Provedel si tratta del 19° cleen sheet in campionato, un grande risultato. Canta Sarri con Naka in ‘A nessuno‘, “A quella festa? Non lo so Ma chе ne dici se restiamo a casa?”.

Anche se si risolve tutto nel primo tempo, la Juventus fatica molto con un Lecce in piena lotta salvezza (pur con un vantaggio di 4 punti sulla zona calda). Vantaggio di Paredes, risposta di Ceesay su rigore, poi il ritorno al gol, dopo tre mesi, di Vlahovic per il 2-1 finale.

Destinazione mare con Inzaghi, Ballardini e Tiziano Ferro

Dilaga l’Inter a Verona con un 6-0 da record aperto dall’autorete di Gaich e rifinito dalle doppiette di Dzeko e Lautaro, oltre al sigillo di Calhanoglu. È un periodo magico per Inzaghi, con quattro vittorie nelle ultime due settimane, una prova in forza in vista della semifinale Champions contro il Milan. “Ho chiuso la vita invernale, Do fiducia alla nuova stagione” canta Inzaghi con Tiziano Ferro in ‘Destinazione mare‘.

Proprio il Milan non riesce ad andare oltre il pari (1-1) contro la Cremonese. Anzi, se non fosse per la rete di Messias, viziata dal tocco di Vasquez al secondo minuto di recupero, i grigiorossi, penultimi in classifica, uscirebbero vincitori da San Siro (in precedenza il vantaggio di Okereke). Per Pioli, la testa è sicuramente alla Champions di quest’anno, ma deve tornare presto a ragionare sul futuro. Non si sa mai. “Non smetto mai non smetto di sperare” canta Ballardini insieme Tiziano Ferro in ‘Destinazione mare’.

Tiziano Ferro Napoli
Tiziano Ferro

E ritorna in corsa per la Champions pure l’Atalanta, che si affianca al Milan e alla Roma battendo lo Spezia in rimonta. Dopo il vantaggio ligure di Gyasi, il pareggio di De Roon, poi in avvio di ripresa Zappacosta e Muriel ribaltano, e Bourabia soltanto accorcia nel 3-2, che potrebbe essere anche 3-3, se non fosse per la traversa che strozza l’urlo di Verde.

Anche la Roma, non riesce ad andare oltre un misero 1-1 nella trasferta di Monza. Verso l’agognata Champions è un vero passo falso e Mourinho, tra l’altro perde anche un pezzo importante come El Shaarawy. Proprio il Faraone porta in vantaggio il team giallorosso, prima del pari di Caldirola.

Stankovic e e Zanetti finiscono nel mare caos con Paola e Chiara

La tripletta di Dia non basta alla Salernitana per superare la Fiorentina. Sempre in vantaggio i campani, sempre ad inseguire i toscani (3-3). Certo, i granata fanno un altro passo verso la salvezza ottenendo il decimo risultato utile consecutivo. La squadra allenata da Italiano risponde ogni volta prima con Gonzalez, poi con Ikoné e infine con il gol di Biraghi su punizione nel finale.

È ormai è ad un passo dalla Serie B la Sampdoria che cade in casa (0-2) con il Torino ed è sempre a -10 dalla zona salvezza. Di Buongiorno e Pellegri i gol che decidono la gara. I granata di Juric riescono a rimanere nella parte di sinistra della classifica. Della partita, però, si ricorderà soprattutto dell‘esultanza provocatoria di Pellegri (ex Genoa) verso la curva di casa. Un gesto che sarebbe dovuto essere punito con una pena esemplare. “Dopo tutti i salti mortali io mi perdo ancora qui” canta Stankovic con Paola e Chiara in ‘Mare caos‘.

Paola e Chiara Napoli
Paola e Chiara

Sempre ragionando sulla salvezza, l’Empoli ottiene tre punti importantissimi superando il Bologna. Sono 8 i punti di vantaggio su Spezia e Verona, che occupano la terzultima posizione. “Alla fine rinasco” canta Zanetti con Paola e Chiara in ‘Mare caos’. Dopo l’autogol di Lucumi al primo minuto di gara, allungano Akpa-Akpro e Cambiaghi, poi nel finale arriva il rigore di Orsolini (ma ci sono anche due gol annullati dal Var) per il 3-1 definitivo.

Riproduzione Riservata ®

Altri articoli in

SLSG - Sol La Si Gol!
Vanoni calcio serie a

Ornella Vanoni: finisce la Serie A, domani è un altro giorno

di Marco Magi
9 mesi fa
SLSG - Sol La Si Gol!
Celentano Milan Inter Lazio

Adriano Celentano: Lazio, Inter e Milan ormai sono soli

di Marco Magi
9 mesi fa
SLSG - Sol La Si Gol!
Nek Juventus

Se una regola c’è… Nek accompagna la Juventus a -10

di Marco Magi
9 mesi fa
SLSG - Sol La Si Gol!
Cugini di Campagna Inter serie a

Cugini di Campagna: meravigliosamente Inter in questo rush

di Marco Magi
10 mesi fa
Cerca
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
NUOVA PLAYLIST
ULTIME USCITE EMERGENTI
SEGUI