Festa della donna canzoni

Festa della donna: ecco 5 canzoni per festeggiarla

Ti diciamo le nostre e, in fondo, dicci la tua preferita

di wheremagichappens

La Festa della donna 2024 raccontata attraverso le canzoni

Oggi, 8 marzo 2024, sono passati oltre 150 anni dai primi movimenti femministi anglosassoni nati nella seconda metà del XIX secolo che si battevano per l’uguaglianza di genere e per il suffragio universale (che in quel secolo era concetto non ancora accettato). Fatta questa premessa, è sotto gli occhi di tutti noi quanto sia lunga la strada da dover ancora percorrere affinché il sogno di quelle coraggiose eroine di fine ‘800 possa finalmente diventare realtà. Non ci soffermeremo su di un’analisi sociale che ci farebbe pensare a tutto quello che, solo negli ultimi mesi, è successo. Ai numerosi casi di cronaca nera che hanno tristemente visto delle donne (molto spesso giovani) come sfortunate protagoniste.

Quello che faremo è invece segnalare 5 canzoni di artisti femminili che, a nostro parere, incarnano il significato profondo di questa giornata: è una lista che vuole unire canzoni immortali del passato con pezzi usciti recentemente, creando un filo conduttore tra le varie decadi.

Mia Martini – ‘Donna’

È uno dei brani più famosi della leggendaria Mia Martini, scritto da Enzo Gragnaniello e pubblicato nel 1989 all’interno dell’album ‘Martini Mia‘ (all’interno del quale era contenuto anche il famosissimo ‘Almeno tu nell’universo‘). Il testo di questa canzone è un autentico capolavoro: è stato scritto proprio da un uomo che, mettendosi dalla parte della donna, raffigura la visione femminile in alcuni rapporti con determinati tipi di uomini. Relazioni fatte di soprusi, violenze, umiliazioni. Il brano venne presentato all’edizione del Festivalbar del 1989 dove, la Martini, ricevette il Disco d’oro per aver venduto 100000 copie.

Fiorella Mannoia – ‘Mariposa’

La Mannoia, inutile dircelo, ha sempre avuto una sensibilità spiccata e un attaccamento verso il tema dell’emancipazione femminile. La sua ‘Quello che le donne non dicono‘ è probabilmente una delle 3 canzoni più famose e belle per la festa della donna, che descrive a pieno l’universo femminile. Proprio per questo motivo abbiamo voluto inserire la ‘sorella’ Mariposa. Il brano ha partecipato all’ultima edizione del Festival di Sanremo e ha vinto il premio Sergio Bardotti per il miglior testo in gara.

La canzone è un vero e proprio inno all’emancipazione delle donne nel testo della quale la Mannoia dipinge il ritratto di un personaggio femminile che, al suo interno, racchiude contorni di tante eroine che (probabilmente) sono vissute nei secoli e hanno lottato per la loro libertà. La musica poi dai tratti latini e folkloristici è un’esplosione di energia della quale abbiamo tutti bisogno.

Anna Tatangelo – Essere una donna

Questo bellissimo brano della Tatangelo, scritto da Mogol e prodotto da Gigi D’Alessio nel 2006, venne presentato al Festival di Sanremo di quell’anno. Alla fine della kermesse il brano si classificò primo nella categoria ‘donne‘ (riconoscimento che veniva conferito in quell’edizione) e terzo nella classifica generale. È stato e risulta essere tutt’ora il brano di maggiore successo dell’artista. Anche in questo caso siamo davanti a un testo perfetto per la festa della donna, che descrive l’universo femminile fuori dagli schemi di un mondo ‘maschiocentrico‘ che si sofferma tristemente solo sull’esteriorità.

Anna Tatangelo festa della donna 2024

Loredana Berté – ‘Pazza’

Non c’è niente da fare: la carica esplosiva di Loredana Berté non sembra proprio spegnersi e ne abbiamo avuto dimostrazione poche settimane fa. Con la sua ‘Pazza‘, infatti, Loredana si è classificata 7ma nella classifica finale della manifestazione e ha vinto il prestigioso Premio Mia Martini della critica; un omaggio alla sorella scomparsa che la stessa Loredana sognava di portare a casa da sempre. La canzone è il ruggito di una tigre che, nonostante il passare del tempo, non si affievolisce. Questa canzone ha il potere di dare la giusta carica a ogni nuovo giorno.

BigMama – ‘La rabbia non ti basta’

Vogliamo segnalarvi, per concludere la nostra piccola rassegna, questo brano perché, a nostro avviso, ha un duplice significato di emancipazione che, proprio per questo, cela quello che dovrebbe essere il vero significato da dover dare alla festa della donna. Quello di Marianna è infatti il brano di una donna discriminata per il suo corpo non in linea con gli standard che vorrebbe la nostra società (come detto inizialmente individualista e nichilista). In più la canzone è ritmata e fa venir voglia di ballare, il che non guasta mai.

Riproduzione Riservata ®

Altri articoli in

Musica
Highsnob

Il grande ritorno di Highsnob con ‘Kintsugi’

di wheremagichappens
7 ore fa
Musica
Ultimo

Ultimo annuncia una sorpresa ai suoi fan

di wheremagichappens
23 ore fa
Musica
Noemi e Ermal Meta presenteranno concerto 1 Maggio

Concerto 1 Maggio, annunciati i primi nomi

di wheremagichappens
1 giorno fa
Musica
Loredana Berté Quiz
Quiz

QUIZ: Loredana Berté, quanto sei fan da 1 a 10?

di wheremagichappens
1 giorno fa
Cerca
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
NUOVA PLAYLIST
ULTIME USCITE EMERGENTI
SEGUI