L’anima nuda di JACK SCARLETT in ‘Discorsi a metà’

Il cantautore e attivista LGBTQ+ esplora le ombre dell'amore nel nuovo singolo

di wheremagichappens

Discorsi a metà, inno alla vulnerabilità emotiva

Dopo aver emozionato il pubblico e la comunità LGBTQ+ di cui è portavoce sin dal suo esordio con “Io sono unico“, brano-manifesto che si erge come testimonianza del suo attivismo contro ogni forma di discriminazione, Jack Scarlett torna a scavare a fondo nell’animo umano con “Discorsi a metà” (Top Records), il suo nuovo singolo che esplora l’amore attraverso la lente della nostalgia e del rimpianto.

In questo piccolo capolavoro acoustic-pop scritto a quattro mani con Alessandro Piumelli, il cantautore romano d’adozione milanese la cui mission si riassume nel motto “La nostra unicità è il nostro vero super potere”, cattura l’essenza dell’amore in un’ineccepibile narrazione intrisa di profondo rispetto per la sua natura effimera, dando voce ai silenzi e a quei dialoghi interrotti che diventano battiti lenti, aritmici e sospesi, incatenati tra i frammenti di un cuore infranto.

Jack Scarlett

Dipingendo tra le note la malinconia e il doloroso ricordo di ciò che è stato, con la rassegnazione verso un sentimento che, pur vibrando puro e radioso, si rivela inafferrabile e fugace, Jack Scarlett converte in musica una suggestiva riflessione sulle sfumature più oscure delle relazioni, spesso trattate con leggerezza e superficialità, che nel brano assumono un significato molto intenso. L’introspezione si traduce in un’opera intima che indaga le profondità emotive dell’amore, andando oltre la superficie luminosa spesso rappresentata nella musica leggera, per toccare le zone nascoste e dolenti di questo sentimento dal valore e dall’accezione universali.

Jack affronta temi come la frustrazione, l’interdipendenza e l’arrendevolezza dinanzi ad una realtà differente rispetto a quella sperata con la cruda sincerità che deriva dalla consapevolezza, offrendo agli ascoltatori uno sguardo autentico e privo di edulcorazioni sulle sue esperienze personali e su tutte le emozioni che ne derivano.

Il viaggio di Jack attraverso queste emozioni si riflette nella composizione stessa del brano, in cui ogni nota, ogni pausa ed ogni parola si carica di verità, evidenziando al tempo stesso fragilità e coraggio, perché essere fragili non collima con l’essere deboli, bensì con il coraggio di mostrarsi al mondo senza filtri, spogliati da maschere e corazze che troppo spesso indossiamo per difenderci, dagli altri, ma soprattutto da noi stessi.

«Questo brano rappresenta un pezzo doloroso del mio cuore – dichiara il cantautore classe 2000 –, un pezzo che ho custodito a lungo prima di riuscire a svelare. La mia visione dell’amore, qui filtrata attraverso una lente oscura e malinconica, mi ha permesso di dar voce ad un tormento silenzioso e assordante, un tormento che per troppo tempo mi ha tenuto ingabbiato in me stesso e mi ha fatto cercare rifugio nel silenzio. Il brano è dedicato al mio ultimo compagno, la persona che più mi ha amato, ma anche quella che mi ha lasciato con il cuore spezzato. “Discorsi a metà” è la mia confessione più intima e la mia sfida più grande».

Una confessione che trova ascolto, riparo e sollievo sul tappeto sonoro cucito ad hoc dall’abilità creativa di Paolo Paone (già per Irama, Emma Muscat, GionnyScandal, Valerio Mazzei, Mose e molti altri) e che nella sfida personale di Jack, ha raggiunto la sua espressione massima solo dopo mesi di intenso lavoro in studio. Un processo di trasformazione armonica, ma soprattutto personale, un cammino di consapevolezza e maturazione che ha consentito all’artista di modellare con precisione non soltanto la resa finale del pezzo, ma prima di ogni altra cosa, le tappe di un itinerario evolutivo dove ogni accento musicale diventa il riflesso di un percorso interiore.

Jack Scarlett

«Ho preso a pugni la malinconia ed ho graffiato i ricordi di ieri»: sin dall’apertura, Jack Scarlett utilizza metafore fisiche per descrivere un confronto emotivo interiore, trasmettendo immediatamente il disperato tentativo di combattere contro i sentimenti dolorosi. La natura impalpabile ed eterea della malinconia e dei ricordi, si scontra con la tangibilità di azioni figlie dell’impotenza e della frustrazione, dando vita al desiderio di liberarsi dalla sofferenza, una sofferenza che non può essere affrontata con la forza fisica.

La malinconia viene perciò personificata come qualcosa di quasi palpabile, un nemico concreto che rende il dolore più reale, e per questo, più semplice da comprendere, gestire, sconfiggere e allontanare. Queste prime liriche stabiliscono istantaneamente un’intensità emotiva che pervade l’intera canzone, evidenziando come immergersi nel proprio dolore con lucidità e consapevolezza, sia il primo passo per affrontarlo e valicarlo.

Jack Scarlett

Ogni verso di “Discorsi a metà” è un passo in avanti lungo il tortuoso sentiero della fine di una relazione che esplora la fragilità dei sentimenti come fonte di forza, quella forza necessaria per accettare e accogliere un nuovo inizio.

Con questa release, Jack Scarlett non solo condivide una parte molto intima di sé, ma si afferma come un artista che ha il coraggio di indagare ed esprimere apertamente le sfaccettature più vulnerabili dell’animo umano. La sua abilità nel trasmettere sentimenti complessi attraverso la musica, lo rende uno dei cantautori più sensibili e brillanti della scena italiana.

“Discorsi a metà” non è solo un brano da ascoltare, ma è una vera e propria esperienza da vivere che invita gli ascoltatori a confrontarsi con le loro stesse ferite, trasformandole in medaglie, in simboli di superamento personale; piccoli e grandi traguardi che ci ricordano che, anche di fronte a innumerevoli “Discorsi a metà’”, il dialogo più importante è quello che dobbiamo continuare a mantenere con noi stessi.

Chi è Jack Scarlett

Jack Scarlett, al secolo Giacomo Caruceru, è un artista italiano nato a Roma il 15 Ottobre 2000 e cresciuto a Milano. La sua passione per l’arte, si manifesta sin dalla tenera età, attraverso molteplici forme espressive che consentono alla sua famiglia di notare in lui un talento comunicativo unico. A soli sette anni, inizia a studiare canto, perfezionando nel corso del tempo la sua formazione attraverso una serie di esperienze significative che ne hanno consolidato artistry, personalità e cifra stilistica.

Nel 2018, ha l’opportunità di sviluppare ulteriormente le sue abilità artistiche partecipando ad una produzione associata ad Amici di Maria De Filippi, esperienza fondamentale per la sua evoluzione professionale e personale, grazie all’intenso lavoro con il suo vocal coach che lo allena con rigore e dedizione.

Jack Scarlett

L’anno successivo, abbandona il mondo dei talent per poter avviare un progetto più personale e rappresentativo che fluisce, nel 2021, nella pubblicazione di il “Io che Vorrei”, il suo primo singolo ufficiale. Jack Scarlett si distingue non soltanto per il suo talento musicale, ma anche per il suo impegno nel trasmettere messaggi profondi attraverso i testi dei suoi brani ed i concept grafici che li accompagnano.

Attivista nella comunità LGBTQ+ di cui è rappresentante sin dagli esordi, si dedica alla lotta contro il bullismo e l’omofobia, promuovendo la libertà di genere e dell’espressione di sé senza limiti o pregiudizi. Il suo stile unico, fluisce anche attraverso scelte audaci in termini di outfit, trucco e originalità, sfidando i convenzionali stereotipi e dimostrando che gli abiti non hanno genere e che la creatività non dev’essere limitata da idee superficiali e retrograde.

La missione di Jack è dare voce a tutti coloro che si sono sentiti vessati dal bullismo e dai pregiudizi, facendo sì che riconoscano finalmente il loro valore e trovino il coraggio di affermare senza timore la propria personalità con orgoglio e fierezza, una missione importantissima che si riassume nel suo motto: “La nostra unicità è il nostro vero super potere”.

Riproduzione Riservata ®

Altri articoli in

L'Antitesi
Sanremo 2024 finale

Sanremo 2024, i commenti a freddo

di Melpot Cosmos
6 giorni fa
Musica
Gianni Morandi prima moglie Laura Efrikian

Gianni Morandi: ecco chi è la prima moglie Laura

di wheremagichappens
6 giorni fa
Musica
Angelina Mango Laura Pausini

Angelina Mango è la nuova Laura Pausini?

di Alessia Maselli
1 settimana fa
Musica
Santi Francesi

Santi Francesi rivelazione a Sanremo 2024

di Federica Solino
2 settimane fa
Cerca
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
Aiutaci a crescere!
NUOVA PLAYLIST
ULTIME USCITE EMERGENTI
SEGUI