ARTICOLO
Tech
negozio amazon style

Amazon Style: la tecnologia abbraccia e fa crescere la moda

Un nuovo modo di vestirsi in un mondo che corre più veloce di noi

Nasce Amazon Style, il primo negozio fisico firmato Amazon con sede a Los Angeles. Moda, tecnologia ed innovazione riuniti sotto lo stesso tetto. Dopo Alexa, Kindle ed Amazon Go, anche la moda ha subito l’influsso del fenomeno Amazon.

Amazon Style: la moda dello sviluppo

Nonostante un apparente ritorno alla vita, con il sostegno delle piccole realtà, dei mercatini, del vintage, siamo ancora legati fortemente e, naturalmente, al progresso. Certo, la borsa in pelle comprata al mercatino e che sfavorisce la continua produzione dannosa del fast fashion è un tema che piace a tutti, ma siamo umani ed il progresso ci affascina.

La tecnologia e l’automazione abbracciano ormai tutti gli ambiti della nostra quotidianità e Amazon l’ha saputo cogliere fin da subito: Alexa che ci sveglia alla mattina e non ci lascia mai soli, Amazon Go che ci nutre e, ora, Amazon Style che ci veste. I più scettici ed apocalittici diranno ‘ci stanno controllando’, ma io dico ‘perché esorcizzare un controllo consensuale?’.

amazon style camerini

Just walk out shopping

I curiosi che avranno l’opportunità di accedere al negozio, troveranno a loro disposizione una vasta scelta di capi d’abbigliamento: dai quelli basici ai più costosi. La sensazione sarà quella di essersi smaterializzati per ricomparire all’interno del proprio smart phone aperto sull’app di Amazon. Ma in che modo sarà organizzata l’esperienza di acquisto? Sarà fondata sul walk out shopping. Fare shopping uscendo dal negozio? Ebbene si. Una volta scelti i capi, si accederà al proprio profilo di Amazon Go e, una volta usciti, si attenderà l’addebito in app.

Lo shop creato su misura dei clienti

Proprio come Amazon Go, l’intero negozio sarà totalmente basato sul cliente che varcherà la soglia d’ingresso. Saranno presenti degli scanner in grado di memorizzare i dati biometrici dei clienti e permetterne il riconoscimento all’ingresso. Ciò che siete soliti acquistare, ciò che rientra nei vostri interessi e ciò che potenzialmente potreste comprare si diffonderà nei sistemi di Amazon Style come polvere magica.

Ciò che acquisterete rimarrà poi nella sconfinata memoria dell’applicazione che, ogni volta troverà un capo che risponderà ai vostri gusti, non mancherà di comunicarvelo tramite notifica. I vestiti che già è sicuro vi piaceranno, vi appariranno con un bidibi bodibi bu. Magia? No, tecnologia avanzata.

amazon style acquisto

Un negozio covid-friendly

Quando dalla difficoltà nasce il bisogno. Dopo la pandemia, la paura di entrare in luoghi affollati è radicata in tutti noi come un tarlo. Anche qui, Amazon Style ha saputo cogliere la necessità del momento rendendo l’esperienza d’acquisto rapida ed efficace. Senza troppo girovagare all’interno del negozio troverete i capi che sono di vostro interesse, visualizzando subito le taglie disponibili e quelli scelti saranno consegnati direttamente dal personale nel camerino (dotato di touchscreen per eventuali richieste aggiuntive). Inoltre la fila in cassa sarà un ricordo della preistoria perché, in questo negozio, si paga una volta usciti.

amazon style vestiti

Addio ai piccoli negozi di paese?

Facciamo coming out: non  si può essere cittadini del mondo perfetti. Rifiutarsi di accettare il progresso per restare nel passato, per quando poetico, è impossibile. Possiamo diventare uno, nessuno, centomila rifiutando ogni nostra natura come ha ipotizzato Pirandello, ma una cosa la rimarremo sempre: esseri umani e, in quanto tali, aggrappati al progresso come cozze allo scoglio.

Per non dimenticare mai la realtà che ci circonda e gli atti umani che vengono compiuti ogni giorno dobbiamo essere consumatori consapevoli ed informati: va bene acquistare online e farsi convincere da Amazon che entrare in un negozio ed essere vestito da una fata madrina senza il minimo sforzo è bello, ma ricordiamo che il viso del commesso del vostro paese, la bancarella del mercato con i maglioni fatti a mano ed il negozio vintage in centro con le scarpe usate hanno magari meno hype, ma sono decisamente più gratificanti.

Riproduzione Riservata ®

Potrebbe interessarti anche

Musica

7 ore fa

Luigi Strangis vince Amici ’21. E il nostro sondaggio?

 
L'Antitesi

8 ore fa

P38 al capolinea: ha senso tutto questo nel 2022?

 
Una Buona Novella

10 ore fa

Intervista a Sarah I. Belmonte e la sua “Pittrice di Tokyo”

 
Lifestyle

1 giorno fa

Com’è l’aldilà? La testimonianza shock di chi c’è stato e..

 
error: Content is protected !!
Leggi anche
Musica

11 mesi fa

E vissero per sempre… politically correct