ARTICOLO
SLSG - Sol La Si Gol!
spezia milan serie a gol

Gianmaria e lo Spezia nel Golfo del Poeta, l’Inter ringrazia

Milan k.o. a sorpresa e nerazzurri ancora leader dopo la 3ª di ritorno di A

Milan… non mi sento come mai?

Caro Spezia l’hai combinata grossa! L’Inter è ancora in testa al campionato di Serie A solamente grazie a te! I liguri superano infatti il Milan in una partita incredibile. I rossoneri, in questa terza giornata di ritorno, sapevano già del pareggio per 0-0 dei nerazzurri sul campo dell’Atalanta, quando hanno affrontato gli spezzini. Vincendo avrebbero scavalcato i cugini (a cui comunque manca un match da recuperare). Ma ecco l’inverosimile.

Insomma Thiago Motta può cantare come Gianmaria in ‘Poeta‘, Dammi la forza di fare qualcosa più grande di me”. E l’ha fatto. Tutto perfetto, insomma, il menu del Milan, se non fosse stato per i ragazzi arrivati dal Golfo dei Poeti, che hanno accusato il colpo di Leao nel primo tempo (Hernandez sbaglia un rigore) e poi ribaltano nella ripresa (1-2 finale), con il nuovo entrato Agudelo e con Gyasi all’ultimo minuto di recupero, in contropiede, dopo la traversa colpita poco prima da Ibrahimovic ed il gol annullato a Messias, realizzato però dopo un inspiegabile fischio di un fallo precedente.

Gianmaria Spezia serie a
Gianmaria

Pioli è incavolato per questo e l’arbitro non può che chiedere scusa, dopo il vantaggio non concesso. Anzi, lo fa pure, ed è fatto anomalo, pure l’Aia, mentre i tifosi si arrabbiano.

Situazioni arbitrali a favore o sfavore fanno parte del calcio, è successo a tutti, la cosa importante per noi è essere consapevoli di aver fatto una buona partita dal primo minuto fino all’ultimo, siamo soddisfatti soprattutto di questo

Thiago Motta

Il cammino dell’Inter, dicevamo, rallenta a Bergamo. Dopo otto vittorie consecutive, l’Atalanta riesce a bloccare i campioni d’Italia. Nerazzurri di casa privi di molti giocatori, tante occasioni le creano soprattutto quelli che vengono da Milano, ma tutto sommato il pareggio è giusto in una sfida con i portieri protagonisti che piace perfino al Napoli. E poi, col k.o. del Milan i punti di distacco dalla seconda aumentano.

E il Napoli è lì, a un tassello dai milanisti, grazie al successo per 2-0 sul campo del Bologna. Un doppio Lozano, nel match in cui Spalletti ritrova Osimhen e presto tutto il resto della rosa, appena finita la Coppa d’Africa. Ci sono in campo anche gli emiliani, ma fanno troppo poco, tranne una traversa su punizione in chiusura.

Juventus e Torino cry later con Noyz Narcos

Le due torinesi inguaiano Sampdoria e Udinese. Juventus e Torino, lanciatissime a recuperare punti su zona scudetto e zona Europa, lontane dai tempi bui, come Noyz Narcos che in ‘Cry later‘ canta “Siamo noi il futuro adesso. Ho un ricordo di quand’ero depresso”. Un gol per tempo e la Juventus regola 2-0 i friulani sul proprio campo.

Noyz Narcos Spezia Serie A
Noyz Narcos

Nell’ottavo risultato utile consecutivo, un primo tempo esplosivo e una ripresa al rallentatore, con i ragazzi di Allegri avanti con Dybala (a segno in 4 delle ultime 6 partite in campionato) e poi a bissare con McKennie, al secondo centro consecutivo. Ma quando Dybala va in gol cosa accade? Che guarda verso la tribuna e non esulta e ognuno si fa una sua idea, con opinioni che orbitano soltanto intorno alla questione del rinnovo del suo contratto.

Bella rimonta del Torino – ed è la prima volta in questa stagione – sul campo della Samp, che passa avanti con Caputo poi subisce le reti di Singo e l’ex Praet, nell’1-2 finale. Granata che non vincevano in trasferta dal 17 settembre, ma con una personalità che vale più del misero vantaggio finale. E la carta Quagliarella in uno scampolo di gara, non basta, seppur vada vicino al pareggio assolutamente immeritato, seppur Milinkovic-Savic ci abbia messo davvero del suo: erroraccio per il vantaggio di casa, poi ripetuto nel secondo tempo, ma Rodriguez salva sulla linea.

Le paranoie di Tancredi per Roma e Lazio

Le romane la smettono di saltare su e giù per la classifica come Tancredi in ‘Paranoie‘ quando canta “Ti porto più sotto e poi più su, su, sue c’ho gli sbalzi d’amore”. Così affondano le cenerentole Salernitana e Cagliari. Discorso a parte naturalmente per i sardi, che rallentano una corsa che pare lanciata verso posizioni più elevate.

Comunque la Roma piega la formazione di Mazzarri per 1-0 per merito di un rigore di Sergio Oliveira, appena arrivato in giallorosso. E la traversa di Joao Pedro grida vendetta (ci mette la mano Rui Patricio) quasi agli sgoccioli del match. Onore ai cagliaritani senza 11 elementi tra infortuni e covid, mentre Mourinho rinuncia a Pellegrini nel riscaldamento (sarebbe stato lui il rigorista).

Tancredi Spezia Serie A
Tancredi

Quanto dura invece la partita all’Arechi? Come le dita di una mano, perché in dieci minuti Immobile, nuovo capocannoniere del campionato di Serie A, realizza due gol, poi la Lazio vincerà 3-0 (Lazzari rifinisce il lavoro del compagno a metà ripresa) sulla Salernitana. In totale ora sono 17 le marcature di Super Ciro (accanto a Vlahovic sul trono dei cannonieri) e considerando le quattro gare saltate, ha una media una rete a partita. I campani restano così sul fondo, con il covid a decimarli, ma con la fiducia della nuova proprietà.

Vlahovic domani che fai insieme a Will?

Gol, gol e ancora gol, anche se qualche errore si può fare, come capita a Sassuolo, Empoli e… a Vlahovic, ma come canta Will in ‘Domani che fai‘, “Lo sai puoi fidarti, Guarderemo il sole all’orizzonte, Fino a quando i cuori battono, Perché sbagliare fa male lo sai, A volte ti cambia la vita”.

La sfida dei bomber al Mapei Stadium la vince Scamacca e non Simeone, ma poco gli serve, visto che il Sassuolo viene sconfitto in casa dal Verona per 4-2. Dalla parte gialloblù c’è un super Barak, con una tripletta, a fare la differenza in una gara tenuta sempre in mano (il poker viene aperto da Caprari), nonostante una grande rete del centravanti italiano (per i neroverdi c’è anche la capocciata di Defrel). Veneti che scavalcano proprio gli emiliani in classifica.

C’è lo zampino di un nuovo arrivato nel pareggio per 1-1 tra Venezia ed Empoli. Non segna, ma fa segnare il trentacinquenne Nani, con una giocata astuta per Okereke, nigeriano tra le file venete che risponde al gol al volo di Zurkowski. Proprio con questo giocatore a terra nell’occasione del pareggio (comunque giusto), scatena le proteste dei toscani.

Will Spezia Serie A
Will

Una vera sensazione di impotenza, è quella che palesa il Genoa di mister Konko, sepolto 6-0 sul campo della Fiorentina. Vlahovic sbaglia il rigore con un cucchiaio da dimenticare in avvio, poi la sblocca Odriozola, prima che vadano in gol anche Bonaventura, Torreira, Biraghi, con una doppietta su calcio di punizione e… Vlahovic.

E a proposito di Dusan, che in questo turno viene raggiunto sulla vetta dei bomber, entra in campo per primo nel secondo tempo e chiede scusa al pubblico per quel penalty. Grande campione, ripagato dal karma di un gran gol. Niente avviene per caso e se il Milan piange e vede compromesso il suo campionato di Serie A, chissà perché, quando mancano ancora ben 16 giornate da giocare, deve riflettere: lo Spezia è alla terza vittoria esterna di fila, prima dei rossoneri ha battuto anche Napoli e Genoa.

Riproduzione Riservata ®

Potrebbe interessarti anche

Musica

1 giorno fa

Vasco Rossi, Trento e la lunga notte alla Music Arena

 
il CoLibrì

2 giorni fa

Gianluca Gotto alla scoperta dei 6 pilastri della Pura vida

 
Interviste

2 giorni fa

Three Mone si racconta: intervista al re della scena trap

 
Sogni d'Oro

3 giorni fa

Ho perso la testa in sogno. Quanto è grave da 1 a 10?

 
error: Content is protected !!
Leggi anche
Sogni d'Oro

6 mesi fa

Sognare di aprire il cancello del cimitero per 1 caffé